Crea sito

Recensione film La storia fantastica di Rob Reiner

Per inaugurare la nuova rubrica del venerdì intitolata Fantaday (vedere Facebook o Instagram per ulteriori informazioni) non potevo non iniziare che con un cult come La storia fantastica di Rob Reiner. Tratto dal libro La principessa sposa di William Goldman, il film è una sorta di storia nella storia che vede due protagonisti: un bambino e un eroe.

Il bambino è il protagonista del mondo reale mentre Westley, l’eroe, quello della storia che il nonno racconta al nipote per farlo staccare dai videogiochi. In realtà si sa ben poco del bambino del nonno, i quali costituiscono solo una cornice che permette di introdurre la storia di Westley e Bottondoro. Quest’ultima inizia con due giovani amanti che sono prossimi a sposarsi ma, a causa del destino, Westley non torna più.

Passato molto tempo, Bottondoro viene un giorno rapita da tre briganti. Ad accorrere in suo aiuto vi è però un individuo mascherato che riesce a battere con la spada l’abile spadaccino Inigo Montoya, il gigante Fezzik nella forza e il capo della banda nell’astuzia. Dopo aver rivelato la propria identità, Bottondoro e il ritrovato Westley decidono di sposarsi ma, purtroppo, lei era già stata promessa al principe Humperdinck, che cattura il giovane e lo tortura. Da questo momento in poi avverranno delle svolte inaspettate che condurranno al consueto lieto fine tipico delle fiabe.

La cosiddetta storia fantastica ricorda molto una fiaba nella struttura anche se, essendo molto estesa, può essere considerata come un fantasy vero e proprio. La trama magari non è delle più originali ma riesce ad accattivare lo spettatore e a farlo immergere totalmente nell’intreccio.

Dal carismatico Westley al gigante buono Fezzik, tutti i personaggi sono abbastanza ben studiati anche se non eccessivamente approfonditi. Il personaggio rivelazione, però, è senza alcun dubbio quello di Inigo Montoya, da antieroe a vero eroe della storia a mio parere. Anche se Westley e, soprattutto, Bottondoro sono stereotipati (lei forse un po’ troppo) si lasciano apprezzare, in particolar modo il primo.

Il trucco e i costumi non sono dei migliori ma non sono male, mentre la recitazione è ottima.

Coinvolgente, con numerosi colpi di scena e divertente nonché un fantasy come si deve: ecco cos’è La storia fantastica, film che non posso fare a meno di consigliare e che, se non ne siete amanti, vi farà riscoprire il genere.

Film Da Oscar:
Agli Oscar 1988 il film è stato nominato alla categoria miglior canzone.

CONTENUTO:3.8
PIACEVOLEZZA:4.5/5
SCORREVOLEZZA:4.5
RECITAZIONE:3.5/4
ORIGINALITÀ DEL CONTENUTO:1.5/2
VOTO MEDIO:3.7
-Jay

Potete vedere questo film su TimVision, Amazon Prime Video e Starzplay.

Lascia un commento